SEARCH
it | en |

Monitoraggio livelli di sott'ossigenazione

Uno dei più importanti parametri critici da tenere monitorato nella biobanca in termini sicurezza operatore è la percentuale di ossigeno presente in ambiente.

L’aria respirabile risulta essere composta normalmente da una percentuale di ossigeno pari a circa al    19,5%. L’azoto liquido utilizzato per alimentare i criocontenitori con all’interno i campioni biologici, è soggetto a naturale evaporazione; l’azoto in fase gassosa che ne deriva è però un gas incolore, inodore e, stratificando a partire dal basso, è in grado di sostituirsi all’ossigeno presente in ambiente, facendone decrescere la percentuale ottimale fino a completa saturazione. L’azoto liquido utilizzato nelle normali attività di crioconservazione costituisce un pericolo concreto per l’operatore.

I danni generati dall’asfissia, sono diversi e di differente entità a seconda della percentuale di ossigeno presente nell’ambiente:

  • 19% - 15% (O2): decremento della capacità di effettuare semplici azioni; questi sintomi possono essere accentuati in persone con problemi cardiaci, circolatori o respiratori;
  • 15% -12% (O2): Respirazione affannosa, veloci pulsazioni, difficoltà nel coordinamento motorio;
  • 12% - 10% (O2): Vertigini, difficoltà cognitive, labbra leggermente blu;
  • 10% - 8% (O2): nausea, vomito, semi incoscienza, faccia cinerea, svenimento, danni mentali;
  • 8% - 6% (O2): di coloro che vengono soccorsi entro 4-5 minuti, il 100% sopravvive dopo un trattamento specifico; Dopo 6 minuti ne sopravvive solo il 50%; Dopo 8 minuti, non ci sono sopravvissuti;
  • 4% (O2): dopo 40 secondi, coma, convulsioni, la respirazione cessa, morte.

Per poter garantire un corretto monitoraggio del tenore di ossigeno nell'ambiente, BioRep offre una vasta gamma di sensori fissi posizionabili in punti strategici della biobanca secondo le normative vigenti. Questi sensori sono capaci di rilevare puntualmente i valori della concentrazione di ossigeno presente che verranno poi inviati dal sistema di monitoraggio sott’ossigenazione al sistema di supervisione e controllo della biobanca oppure, in assenza di quest’ultimo, ad una centralina dedicata. La condizione di sott’ossigenazione verrà notificata agli operatori attraverso una segnalazione ottico-acustica e, nei casi più persistenti e pericolosi, anche i sistemi di ventilazione di emergenza verranno attivati per incrementare il numero dei ricambi aria/ora fino al ripristino delle normali condizioni di sicurezza nell’ambiente.

BioRep offre inoltre sensori di monitoraggio del tenore di ossigeno portatili, da applicare ad ogni operatore presente nella biobanca e caratterizzati da una comoda semplicità di utilizzo e totale affidabilità.